Non sei ancora registrato? Registrati ora.

1. Il mio profilo >2. Informazioni aggiuntive

Premendo Invia di seguito si certifica di avere letto e accettato la nostra Informativa sulla privacy.

THE WisdomTree BLOG

Jesper Koll / Macro Alerts, Japan 09 nov 2017

Japan Inc: possibile crescita del 25% degli utili per il FY3/2018

Jesper Koll

I risultati aziendali della stagione inviano un messaggio chiaro: gli utili delle imprese nipponiche continuano a salire. Ciò è dovuto sia alla crescita delle vendite top-line che all’andamento favorevole dei tassi di cambio. In futuro, la corporate guidance resterà conservatrice e ciò a sua volta renderà probabili nuove revisioni al rialzo nei prossimi trimestri. Detto ciò, riconfermiamo la nostra previsione di una crescita degli utili per azione (EPS) pari al 25% per il terzo trimestre dell’anno fiscale 2018 (FY3/2018), contro il 13% del consensus. Nel caso in cui queste aspettative si rivelassero fondate, a mio avviso ciò implicherebbe ragionevolmente un livello di 2.000 per l’indice TOPIX nei prossimi sei mesi.

 

SEE MORE
Jesper Koll / Macro Alerts, Japan 26 ott 2017

The coming BoJ pivot to banks

Jesper Koll

In coming months, Japan’s monetary policy is likely to move back to center stage. This is not just because Prime Minister Abe will have to make a decision on the next Governor, but, more importantly, because the case for a change in the operational targets of the BoJ’s Yield-Curve-Control is growing stronger. Specifically, I expect a possible change in the BoJ duration target: a pivot away from targeting the 10-year yield to targeting the 5-year or 7-year yield could greatly enhance BoJ reflation credentials. 

SEE MORE
Jesper Koll / Macro Alerts, Japan, Equities 23 ott 2017

Stable politics—Dynamic economy—Japan Premium

Jesper Koll
In the world of politics and policy making, Japan has become the envy of the world. The snap election got “Team Abe” re-elected with a strong majority and they will be controlling parliament with basically the same two-thirds super majority they had before. Stability, continuity and consistency of a strong pro-growth and pro-business agenda is poised to be rewarded with a growing “Japan Premium” in financial markets, that is, Japan’s equity markets deserve a higher PE multiple, in my view. 
SEE MORE
Jesper Koll / Macro Alerts, Japan 17 ott 2017

La politica reinventata: la rivalità tra Abe e Koike porterà a delle riforme sul versante dell’offerta

Jesper Koll

Le prossime elezioni in Giappone inaugureranno una nuova era di concorrenza e responsabilità politica. La riforma strutturale in generale, e la riforma sul fronte dell’offerta in particolaresubiranno un’accelerazione se, come sospettiamo, Koike si ritroverà contemporaneamente sia al potere che all’opposizione. L’evento mai accadutofinora potrebbe verificarsiin quanto Koike, continuando a ricoprire l’attuale incarico di Governatore di Tokyo, sarà anche all’opposizione come leader del secondo partito in Parlamento (stando ai sondaggi). Considerato che il Governatore Koike ha una storia consolidata come politico a favore della crescita e delle imprese e che Tokyo è la regione economicamente più importante (rappresenta poco più di un terzo del PIL), il governo post-elettorale sarà subito attaccato di ostruzionismo alla crescita locale e di mancato supporto alle riforme strutturali. A mio avviso, quest’ imminente tensione tra la regolamentazione e le normative nazionali contro gli “spiriti animali” e le ambizioni locali rappresenterà la dinamica di maggiore interesse della politica giapponese.

SEE MORE
Jesper Koll / Macro Alerts, Japan 03 ott 2017

La “Koikenomics” rilancerà l’“Abenomics”

Jesper Koll
Una nuova forza politica, guidata dal governatore di Tokyo Yuriko Koike, sta guadagnando credito nella politica giapponese. Il suo nuovo partito nazionale - il Partito della Speranza - ha appena siglato un'alleanza elettorale con il Partito democratico dell'opposizione che potrebbe portare fino a 120-180 su 465 seggi in parlamento nelle prossime elezioni governative del 22 ottobre. La cosa più importante è che la "Koikenomics" è pronta a rilanciare l'originale promessa pro-crescita dell’"Abenomics". Questo è dovuto al fatto che il governatore Koike ha una storia consolidata come politico a favore del business, della deregolamentazione e della crescita.
SEE MORE
Jesper Koll / Macro Alerts, Japan 18 set 2017

Japan early election would delay BOJ exit further

Jesper Koll

Japanese media are speculating that PM Abe may call a snap election, possibly as early as October 22. Although the Prime Minister himself has, so far, not commented on these speculations—and it is at the Prime Minister's discretion to dissolve Parliament—my sources suggest a reasonable probability of an early election. If so, the key implication for markets would be an almost certain change in Japan's macro policy mix: the probability of taxes going up in 2019 would rise, which in turn raises the odds that the BOJ will have to do more for longer to ensure against the inevitable recession that has always followed consumption tax hikes.

SEE MORE
Jesper Koll / Macro Alerts, Japan 23 ago 2017

PIL giapponese nel punto ottimale

Jesper Koll

Il rapporto sul PIL di aprile-giugno indica che l’economia giapponese si trova in una condizione ideale di accelerazione e diffusione della crescita che coinvolge tutte le componenti della domanda interna. Mentre il tasso di crescita annuo del PIL, pari al 4%, suggerisce un’importante accelerazione, i dettagli del rapporto confermano appieno la nostra tesi secondo la quale il Paese del Sol Levante è entrato in un ciclo positivo trainato dalla domanda e autosufficiente. Per il 2018-2019 manteniamo inalterata la nostra previsione riguardo a una crescita del PIL reale nell’ordine del 2-2,5% (e del 3-3,5% per ciò che concerne il PIL nominale). Per i policy maker, il margine di errore sulla forza dello Yen si sta erodendo rapidamente. Nella fattispecie, i fattori illustrati nei paragrafi seguenti segnalano con chiarezza che il Giappone ha raggiunto il punto ottimale dell’attività economica.

SEE MORE
Jesper Koll / Macro Alerts, Japan 07 ago 2017

Team Abe 3.0: le nuove politiche della compagine governativa rinnovata

Jesper Koll

Il primo ministro Abe ha presentato il suo nuovo gabinetto. Si tratta della terza compagine governativa di Abe da quando è diventato Primo Ministro nel dicembre 2012 e, come nei governi precedenti, è dominata dagli alleati più affidabili e vicini politicamente. Inoltre le posizioni chiave non cambiano: Aso rimane Ministro delle finanze, Seko Ministro dell'economia e Suga Portavoce del gabinetto. Ci aspettiamo che questo nuovo gabinetto presenterà una manovra suppletiva di circa 5 trilioni di yen entro ottobre, focalizzata su un maggiore sostegno per le donne, le famiglie e gli anziani.

SEE MORE
WisdomTree / Macro Alerts, Japan, FX / Currency Hedging 21 lug 2017

Sui mercati internazionali il Giappone è in testa per crescita dei dividendi

WisdomTree

Una volta l’anno WisdomTree conduce un ribilanciamento dei suoi indici dei titoli ponderati sulla base dei dividendi. Il ribilanciamento corregge le posizioni a seconda delle modifiche intervenute nelle valutazioni relative. Misuriamo tali valutazioni relative esaminando i movimenti delle quotazioni dei titoli rispetto ai fondamentali sui mercati internazionali. La variabile principale che stiamo adottando nelle nostre strategie basate su indici ampi è il Dividend Stream® di un’azienda.

SEE MORE
Jesper Koll / Macro Alerts, Japan 29 giu 2017

Japan's pro-growth agenda—how "Abe-ism" will re-ignite "Abenomics"

Jesper Koll

After a period of relative calm and no new initiatives, Japanese politics is poised to move back into global headlines in the coming months. This is because Prime Minister Abe has now presented a concrete timeline for reforming Japan’s constitution: the goal is to clear all the necessary Parliamentary hurdles by next summer (2018) so that the required national referendum can be called before end-2018. 

SEE MORE
Nizam Hamid / Macro Alerts, Japan 15 giu 2017

Cambierà tutto per le azioni cinesi di classe A e l’MSCI?

Nizam Hamid

Le azioni cinesi di classe A, rispetto agli indici  benchmark dell’azionario globale, si sono dimostrate problematiche per alcuni investitori in termini di accessibilità al mercato e inclusione negli indici. 

 

L’evoluzione dei programmi moderatamente  restrittivi QFII (Qualified Foreign Institutional Investor) e RQFII (RMB Qualified Foreign Institutional Investor), insieme al programma relativamente nuovo Stock Connect che collega le borse di Shanghai e di Shenzhen a quella di Hong Kong, ha concretamente cambiato la capacità degli investitori di negoziare le azioni di classe A cinesi. Questi sviluppi hanno creato le condizioni per un accesso più flessibile al mercato, il quale ha a sua volta aumentato le probabilità che, con cautela e alcune limitazioni, MSCI possa includere le azioni di classe A nei propri indici di benchmark. E’ importante notare che la proposta attuale differisce considerevolmente dai tentativi precedenti e lascia spazio solo ad una moderata inclusione nell’indice di titoli cinesi di classe A, al contrario di un approccio onnicomprensivo. 

 

 

SEE MORE
Jesper Koll / Macro Alerts, Japan 13 giu 2017

Homegrown strength: Japan's CAPEX cycle accelerates

Jesper Koll

Our structural bull-thesis for Japan calls for an endogenous, self-sustaining domestic demand up-cycle that is driven by Japan’s private sector. Demographics is the key force – for households, the structural shortage of labour will be pushing up incomes and improving job security, thus creating purchasing power for a “new middle class”; and for companies, the scarcity of human capital will force a shift towards more capital-intensive business models, i.e. a structural up-turn in business investment to improve the quality of the domestic capital stock. Also, M&A activity is poised to pick-up, with the scarcity of human capital forcing fundamental industrial reorganization. Clear-speakJapan’s productivity is ready for a positive super-cycle, which should translate into a structural up-turn in capital returns. 

SEE MORE
Jesper Koll / Macro Alerts, Japan 26 apr 2017

Outlook per il Giappone: “Coprimi di soldi!”

Jesper Koll

Restiamo dell’opinione che le asset rischiose nipponici – azionario e immobiliare- siano ben avviate verso un mercato rialzista strutturale destinato a protrarsi per alcuni anni. A nostro avviso, il 2017 comporterà un’inversione positiva in termini di accelerazione degli utili, con una ripresa dell’incremento del fatturato delle vendite e un deprezzamento della valuta in grado di generare una crescita degli utili compresa tra il 25% e il 30% (dopo il calo dell’anno scorso pari a circa l’8%,). Considerate le valutazioni relativamente appetibili – il TOPIX è scambiato a un modesto sconto rispetto alle proprie medie decennali per ciò che concerne i multipli P/E sia trailing che forward - la crescente visibilità degli utili probabilmente rappresenterà il principale fattore di traino della performance dei mercati nipponici. Per contro, ci aspettiamo che le iniziative e l’intervento politico costituiscano driver relativamente meno importanti per i mercati del Sol Levante e che la Banca del Giappone (BOJ) non cambi direzione e mantenga l’obiettivo dei rendimenti obbligazionari decennali a tasso zero per il prossimo futuro. 

SEE MORE
Jesper Koll / Japan, Macro Alerts 13 apr 2017

Pivot to the Pacific? Is it “risk on” Asia?

Jesper Koll

“Team Trump” demonstrated exemplary global economic leadership skills at last week’s Summit between President Donald Trump and China’s President Xi Jinping. Most importantly, both leaders agreed to a concrete agenda of dialogue and engagement: At the working level, both nations committed to a “100-day plan” to address bi-lateral trade issues, with progress overseen by the two Presidents directly; and at the top level, President Trump accepted President Xi’s invitation for a follow-on bi-lateral Summit in China sometime later this year. 

SEE MORE
Nizam Hamid / Macro Alerts, Japan, Equities 15 mar 2017

Le aziende esportatrici giapponesi sovraperformano mentre lo Yen s’indebolisce

Nizam Hamid

Negli ultimi sei mesi, la performance dei listini giapponesi è stata trainata dal drastico deprezzamento dello Yen nei confronti del Dollaro statunitense. Dopo il declino su livelli prossimi ai Y100/USD non più tardi di fine settembre 2016, il rapido apprezzamento del Dollaro in un clima post-elettorale ha assistito al repentino crollo dello Yen con un cambio di Y118 rispetto al biglietto verde e, più di recente, attorno ai Y1151.

SEE MORE

Viktor Nossek

Director of Research

Nossek, che ha maturato oltre 14 anni di esperienza nel settore, ha lavorato presso Renaissance Asset Managers con l’incarico di Direttore della ricerca. Si occupa di ricerche macro-economie su svariati temi nell’ambito del segmento azionario, obbligazionario e delle commodity. Le ricerche condotte per WisdomTree in Europa offrono strategie d’investimento riguardanti l’attuale gamma di prodotti ETF UCITS Smart Beta, oltre alla gamma di Boost di ETN short e a leva. In precedenza Nossek ha ricoperto il ruolo di Research Analyst presso BlackRock e Thomson Financial. Ha iniziato la carriera come Equity Strategist in Commerzbank, dopo aver completato gli studi con un master in economia presso l’Università di Maastricht, nei Paesi Bassi.

Nizam Hamid

ETF Strategist

Nizam Hamid è ETF Strategist per WisdomTree in Europa ed ha maturato una vasta esperienza nel mercato dei prodotti ETF europei. Prima di entrare in WisdomTree ha lavorato per C8 Investments, un hedge fund sistematico, occupandosi di business development e strategie quantitative; prima ancora è stato consulente presso FTSE. Dal 2010 al 2012 ha ricoperto gli incarichi di Head of ETF Strategy e Deputy Head presso Lyxor ETF, all’epoca il secondo maggiore emittente di ETF in Europa. Prima di Lyxor è stato Head of Sales Strategy per l’Europa e il Medio-Oriente presso iShares a Londra. Prima ancora, dal 1998 al 2008, ha ricoperto il ruolo di Global Head of ETFs, Portfolio and Index Strategy in Deutsche Bank. Ha inoltre lavorato come analista quantitativo a Londra e Tokyo per UBS, BZW e Bankers Trust / NatWest Markets. Ha conseguito una laurea in economia all’Università di Liverpool.

Nick Leung

Research Analyst

Nick Leung è Research Analyst per WisdomTree in Europa. E’ responsabile dell’analisi e dei commenti macro-economici, della formulazione di strategie d’investimento e idee commerciali, oltre al mantenimento delle garanzie collaterali.  Prima di entrare a far parte dell’azienda nel 2015, Leung ha lavorato in Source, dopo il master presso l’Imperial College London. Sempre nello stesso periodo è stato coinvolto in un progetto imprenditoriale con Unilever. Leung ha conseguito un BA in Economia presso l’Università di Nottingham.

Jose Poncela

Head of ETNs

Jose Poncela è responsabile degli ETN di WisdomTree in Europa e della gestione della piattaforma e dei prodotti Boost ETP di WisdomTree. Prima di entrare in Boost/WisdomTree nel 2012, Jose si è occupato della strutturazione delle transazioni azionarie strategiche in UBS e Nomura e, acquisendo la qualifica di avvocato, ha lavorato per uno dei maggiori studi legali degli USA. Ha conseguito un MBA presso la London Business School, un Master in Legge della Fordham University di New York e lauree in economia e legge presso università spagnole.

Jason Guthrie

Director of Capital Markets

Jason Guthrie è Director of Capital Markets di WisdomTree in Europa. Guthrie ha la responsabilità di garantire l'esecuzione regolare delle negoziazioni degli ETF UCITS di WisdomTree e degli ETP di Boost in tutta Europa, Israele e America Latina. Prima di entrare a far parte di WisdomTree, Guthrie ha lavorato presso Deutsche Bank nell'ambito del dipartimento ETF Capital Markets e vanta anche un’esperienza in Macquarie Bank, come Investment Executive presso la sede di Sydney, Australia. Jason ha una Laurea in Commercio (Finanza) ottenuta presso la Macquarie University di Sydney.

Jesper Koll

Head of Japan di WisdomTree

Jesper Koll è stato nominato Head of Japan di WisdomTree il 1° luglio 2015. Negli ultimi vent’anni Koll si è sempre classificato come uno dei migliori strategist/economisti in Giappone, con gli incarichi di Chief Strategist e Head of Research per primarie banche degli investimenti americane come J.P. Morgan e Merrill Lynch. Le sue capacità di analisi e intuizione gli sono valse una posizione in diversi comitati consultivi del Governo giapponese e Koll è anche uno dei pochi membri non giapponesi del Keizai Doyukai, l’associazione giapponese dei dirigenti aziendali. Ha scritto due libri in giapponese: “Towards a New Japanese Golden Age” e “The End of Heisei Deflation”. Dopo il suo arrivo in Giappone, nel 1986, ha inizialmente lavorato come assistente di un Parlamentare. Koll ha conseguito un master presso la School of Advanced and International Studies della Johns Hopkins University ed è stato ricercatore presso l’Università di Tokyo e quella di Kyoto. Si è laureato presso il Lester B. Pearson College of the Pacific.

Vania Pang

Capital Markets and Investment Solutions, Index and Quantitative Investment, ICBC Credit Suisse Asset Management (International) Company Limited

Vania Pang è responsabile delle funzioni Capital Markets e Investment Solutions del Dipartimento Index e Quantitative Investment di ICBC Credit Suisse Asset Management (International) Company Limited. Dal 2012 al 2016, Vania Pang ha ricoperto il ruolo di Vice President of Corporate Strategy and Development presso Asia Coal Limited dove si è occupata di gestire le operazioni strategiche di fusione e acquisizione, gli aumenti di capitale e le relazioni con gli investitori. Prima ancora ha svolto l’incarico di Associate Director, Business Development in Crown One Asset Management Company Limited, in qualità di responsabile delle vendite e del marketing dei fondi. Tra il 2007 e il 2008, Vania Pang è stata Assistant Manager, Public Distribution Hong Kong (Equity Derivatives and Private Investor Product Sales) presso RBS, occupandosi delle vendite e del marketing dei prodotti su derivati dell’azionario quotato. Prima di entrare in RBS è stata conduttrice e reporter per Cable TV e l’Hong Kong Economic Journal.

Vania Pang ha conseguito un MSc. in Development Finance presso l’Università di Manchester, un M.A. in Giornalismo e un B.A. in Business Administration presso l’Università cinese di  Hong Kong. 
 

REGISTER TO RECEIVE BLOG ALERTS

Premendo Invia di seguito si certifica di avere letto e accettato la nostra Informativa sulla privacy.