Non sei ancora registrato? Registrati ora.

1. Il mio profilo >2. Informazioni aggiuntive

Premendo Invia di seguito si certifica di avere letto e accettato la nostra Informativa sulla privacy.

Macro Alerts
Petrolio: un nuovo scenario?
06 ott 2016
Nizam Hamid , ETF Strategist


Il recente, quanto inatteso, annuncio dell’OPEC sull’intenzione di limitare l’output di greggio ha modificato considerevolmente le dinamiche di breve periodo del prezzo dell’oro nero. 
Un quadro prima incerto, senza guida da parte dell’OPEC, presenta oggi qualche traccia di stabilità dei prezzi in un contesto più disciplinato. Il recente impegno verrà messo alla prova al momento di definire i termini di un accordo vincolante in occasione del prossimo incontro ufficiale previsto per fine novembre.

La decisione dell’OPEC mostra un nuovo approccio, non più volto essenzialmente ad ottenere quote di mercato a discapito del prezzo e dei ricavi. Un insieme di fattori, incluso il prolungato rimbalzo dai minimi di gennaio per i future sul WTI di 26,55USD, ha rafforzato la fiducia dell’OPEC nelle sue capacità di gestione della dinamica dei prezzi. Tuttavia, prima che i recenti propositi si tramutino in risultati credibili è necessario superare una serie di ostacoli.

Ad agosto, l’OPEC produceva 33,69 milioni di barili al giorno (mb/d): un tasso record rispetto agli ultimi cinque anni. E’ quindi facile capire come la proposta di una riduzione dell’output tra i 32,5mb/d e i 33mb/d sia una mossa strategica. Al limite inferiore, si tratterebbe solo di un modesto decremento del 3,5% dell’offerta: in realtà l’elemento di rilievo non è rappresentato dalla portata dei tagli quanto piuttosto dal segnale inviato ai mercati. Questo nuovo orientamento pone l’enfasi sulla conclusione di un accordo durante il prossimo meeting previsto a Vienna il 30 novembre, nel corso del quale verranno stabiliti i termini dell’offerta dell’OPEC per il prossimo inverno.

 

Fonte: Bloomberg, OPEC

Nel mentre, il prezzo del petrolio ha reagito positivamente alla notizia, con i future front month sul WTI di recente negoziati a 48,24USD, un rialzo del 7,9% per il mese. Anche il Brent è salito a 49,06USD, un rimbalzo del 4,3% sul mese. (Fonte: Bloomberg). Negli ultimi tre mesi, l’andamento dell’oro nero è stato relativamente piatto con il WTI in calo dello 0,2% e il Brent dell’1,2%. Ciò nonostante, la volatilità realizzata a sessanta giorni è rimasta elevata, attestandosi a quasi il 40%. Si tratta di una percentuale relativamente modesta rispetto ai livelli particolarmente elevati di marzo, pari a circa il 70%.

 

Fonte: Bloomberg, OPEC

Anche se la notizia della nuova direzione dell’OPEC ha gettato le basi per una maggiore stabilità dei prezzi rispetto alle turbolenze registrate sui mercati quando a gennaio l’oro prezzava al di sotto dei 30USD al barile, permane un clima d’incertezza. Nello specifico, i produttori non appartenenti all’OPEC, come la Russia, potrebbero avere un minore interesse a gestire l’output, considerati i vincoli economici e finanziari nazionali. Con il rialzo dei prezzi anche il possibile incremento della produzione di shale oil negli Stati Uniti potrebbe rientrare tra i fattori dell’equazione, incidendo sull’offerta. Inoltre sussiste il rischio non trascurabile che, anche dopo ben due anni di negoziati, il cartello non riesca ancora a raggiungere un accordo definitivo.

Negli ultimi due anni, gli ETC sul petrolio di Boost che coprono il trading europeo sui prodotti short e leverage sono nettamente saliti, raggiungendo una posizione leader sul mercato. Mentre nel 2015, in Europa occupavano una quota di mercato del 54%, quest’anno hanno toccato quasi quota 66%. In realtà, durante i periodi in cui è stato registrato il maggior volume di negoziazioni, ossia tra maggio e giugno, la quota di mercato di Boost ha superato il 70%. 

Fino ad oggi, dall’inizio dell’anno, gli ETC sul petrolio di Boost, hanno scambiato oltre 6,5mldUSD sui listini e riportato un’attività sui mercati primari pari a 2,3mldUSD. Questi volumi elevati, sia sul mercato primario sia su quello secondario, mostrano l’efficienza dei prodotti short e a leva, soprattutto in termini di posizionamento tattico rispetto all’andamento del greggio.

La minore volatilità del greggio potrebbe rappresentare un vantaggio per l’intero universo delle commodity, laddove in alcuni indici, come il Bloomberg Commodity Index, il settore energia rappresenta quasi il 33%. Una maggiore stabilità dei prezzi del segmento, trainata dal petrolio, probabilmente incoraggerà gli investitori ad ipotizzare una più ampia allocazione sulle commodity in generale. In tal caso, gli investitori probabilmente vorranno guadagnare esposizione in maniera efficiente e l’adozione di una strategia che presenti rendimenti rolling ottimizzati si rivelerà presumibilmente vantaggiosa per gli investitori di più lungo periodo.

L’annuncio dell’OPEC rappresenta un primo passo verso una maggiore stabilità dei prezzi del greggio, mentre quest’ultimo continuerà a costituire una componente importante del sentiment sugli investimenti in commodity in generale. La strada verso una reale stabilità dei prezzi e la normalizzazione dell’offerta é ancora lunga ma, nel breve periodo, gli investitori possono rivolgersi agli ETC sul petrolio short e leverage di Boost per catturare le opportunità presenti sui mercati.

Gli investitori che intendono guadagnare esposizione sulle commodity, riducendo contemporaneamente la volatilità del portafoglio, potrebbero essere interessati:

WisdomTree Enhanced Commodity UCITS ETF (WCOA)

Gli investitori interessati a trarre profitto dall’attesa volatilità dei prezzi del petrolio potrebbero valutare gli ETC di Boost, strumenti che coprono esposizioni sia lunghe sia corte sul WTI e sul Brent con un’ampia gamma di fattori di leva (da 1x a 3x):

Boost WTI Oil 3x Short Daily ETP (3OIS)
Boost WTI Oil 3x Leverage Daily ETP (3OIL) 
Boost Brent Oil 3x Leverage Daily ETP (3BRL)
Boost Brent Oil 3x Short Daily ETP (3BRS) 
Boost WTI Oil 2x Short Daily ETP (2OIS) 
Boost WTI Oil 2x Leverage Daily ETP (2OIL)
Boost WTI Oil 1x Short Daily ETP (OILZ) 
Boost Brent Oil ETC (BRND)
Boost WTI Oil ETC (WTID)

Read More

Macro Alerts, Commodities


Previous Post Next Post

This material is prepared by WisdomTree and its affiliates and is not intended to be relied upon as a forecast, research or investment advice, and is not a recommendation, offer or solicitation to buy or sell any securities or to adopt any investment strategy. The opinions expressed are as of the date of production and may change as subsequent conditions vary. The information and opinions contained in this material are derived from proprietary and nonproprietary sources. As such, no warranty of accuracy or reliability is given and no responsibility arising in any other way for errors and omissions (including responsibility to any person by reason of negligence) is accepted by WisdomTree, its officers, employees or agents. Reliance upon information in this material is at the sole discretion of the reader. Past performance is not a reliable indicator of future performance.

REGISTER TO RECEIVE BLOG ALERTS

Premendo Invia di seguito si certifica di avere letto e accettato la nostra Informativa sulla privacy.