Non sei ancora registrato? Registrati ora.

1. Il mio profilo >2. Informazioni aggiuntive

Premendo Invia di seguito si certifica di avere letto e accettato la nostra Informativa sulla privacy.

Trend di diversità demografica

El Niño: i suoi effetti sulla produzione agricola

04 Feb 2019
Nitesh Shah, Director, Research


El Niño è parte di un ciclo climatico sull'oceano Pacifico che influisce a livello globale sulle dinamiche meteorologiche. Il nome (traducibile approssimativamente in “Gesù Bambino”) risale ai pescatori peruviani del '600, i quali avevano notato come il pescato spesso diminuisse nel periodo intorno a Natale, mentre la temperatura dell'acqua marina si innalzava. Tra gli effetti prodotti da El Niño vi sono particolari dinamiche dei venti sul Pacifico, forti piogge in Sud America e siccità in Australia e in alcune parti dell'Asia, tra cui India e Indonesia.  

 

Poiché la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) ha previsto il verificarsi di un evento El Niño durante l'inverno nell'emisfero settentrionale con una probabilità del 96%, è quasi certo che assisteremo ad anomalie meteorologiche nei prossimi mesi.  

 

Figura 1. La probabilità che El Niño si verifichi quest'anno1

Fonte: Centro Previsioni Climatiche del NOAA e istituto internazionale di ricerca sul clima e la società della Columbia University, WisdomTree, dati disponibili al 20 dicembre 2018

 

Perché El Niño influisce sui prezzi dei prodotti agricoli

 

El Niño può avere notevoli conseguenze sulle dinamiche dell'industria agroalimentare, perché la produzione agricola è estremamente sensibile alle variazioni delle condizioni meteo. Per un raccolto ottimale è importante avere sole e pioggia nella giusta quantità e al momento giusto. Le siccità possono ad esempio rovinare un raccolto per insufficienza di acqua, mentre le inondazioni possono sradicare le piante o ritardare il raccolto, che lasciato a terra si rovina. 

 

Ad ogni modo, per quanto El Niño possa influire notevolmente sui prezzi dei prodotti agricoli, l'impatto sui prezzi di un dato prodotto dipenderà dall'intensità e dalla tempistica del suo verificarsi, oltre che da fattori locali, ad esempio dove si trovano i raccolti e quanto sono preparati gli agricoltori ad affrontare condizioni estreme. 

 

Figura 2. L'impatto meteorologico di El Niño

Fonte: NOAA

 

Analisi degli effetti sui prezzi dei prodotti agricoli 

 

La prima cosa da fare per valutare i probabili effetti di El Niño è determinare in quale periodo dell'anno il fenomeno dovrebbe avere inizio. Nel caso attuale, la NOAA ritiene che l'evento si verificherà probabilmente nell'emisfero settentrionale questo inverno, ma è possibile che si prolunghi nell'emisfero settentrionale fino all'estate, con minore intensità. Il passo successivo è vedere quali coltivazioni andrebbe a colpire. Secondo le ricerche di Iizumi et al., una perturbazione meteorologica che si verifichi durante il periodo di crescita “riproduttiva” di una coltivazione tende ad avere il massimo impatto sulle rese del raccolto.  

 

Utilizzando le informazioni ottenute da Iizumi et al. abbiamo calcolato il possibile impatto a breve termine di El Niño sui raccolti nella fase di crescita riproduttiva, che riassumiamo qui di seguito:

 

Rialzi per zucchero, cacao e frumento 

 

Zucchero, cacao e frumento sono tra i prodotti agricoli per i quali prevediamo un rialzo dei prezzi in caso di un evento El Niño. 

 

La produzione di zucchero è concentrata prevalentemente in India e in alcune regioni del Brasile. L'eventuale arrivo di El Niño comporterebbe probabilmente piogge al di sotto della media e clima più secco in entrambi i paesi, cosa che potrebbe far salire i prezzi. 

 

Anche l'Indonesia, che copre il 10% della produzione mondiale di cacao, potrebbe essere direttamente interessata da un fenomeno El Niño, e un clima caldo e secco in Indonesia potrebbe far salire i prezzi del cacao.

 

L'Australia, che copre il 4% della produzione mondiale di frumento, è un altro paese che potrebbe avere clima secco in conseguenza di un eventuale arrivo di El Niño, il che potrebbe riflettersi positivamente sui prezzi del frumento, anche se la mietitura dovrebbe essere terminata per lo più entro metà gennaio ed essere quindi meno interessata da un eventuale impatto di El Niño. 

 

Ribassi per soia, mais e caffè Arabica

 

Per contro, prevediamo un ribasso dei prezzi di soia, mais e caffè Arabica.  

 

Il Brasile e l'Argentina, che insieme coprono quasi la metà della produzione mondiale di soia, dovrebbero avere condizioni di coltivazione favorevoli se dovesse verificarsi un evento El Niño, che potrebbe quindi comportare una diminuzione del prezzo della soia.

 

Figura 3. Gli effetti di El Niño sulla coltivazione della soia nella fase di crescita riproduttiva da dicembre a marzo

 

 

Fonte: Adattato da WisdomTree da “Impacts of Southern Oscillation on the global yields of major crops” di Iizumi et al, maggio 2014.
Le previsioni non sono indicative dei risultati futuri e qualsiasi investimento è soggetto a rischi e incertezze. 

 

Gli effetti di El Niño per quanto riguarda il mais sono meno significativi, ma potrebbero risultare moderatamente positivi per le condizioni di coltivazione in Sud America e in alcune regioni dell'Australia, e quindi causare un leggero calo dei prezzi.

 

La produzione di caffè della varietà Arabica è concentrata soprattutto in Brasile, Messico, Colombia e America Centrale. Questi paesi potrebbero avere condizioni di coltivazione favorevoli, e poiché la maggior parte delle piantagioni di caffè in queste zone si troverà in fase di crescita riproduttiva nei prossimi mesi, potremmo assistere a uno shock positivo sull’offerta per questa produzione, che porterebbe a un abbassamento dei prezzi.  

 

Altri fattori  

 

Si avverte che l'analisi di cui sopra si basa solamente sugli effetti dell'eventuale verificarsi di El Niño e non tiene conto dei molteplici altri fattori che possono influire sulle rese dei raccolti. Si segnala inoltre che i prezzi dei prodotti agricoli possono risentire di varie altre circostanze, tra cui le oscillazioni dei tassi di cambio e le politiche commerciali. L'analisi è comunque utile per un orientamento a grandi linee su come i prezzi dei prodotti potrebbero risentire dell'effettivo verificarsi del fenomeno El Niño nell'immediato futuro.

 

Blog correlati

Danno collaterale sul mercato della soia: si amplia il divario dei prezzi tra USA e America Latina

Tempo di trarre profitto dal mercato dei cereali

 


Read More
Trend di diversità demografica, Evoluzione tecnologica, Materie prime


Previous Post Next Post
La presente documentazione è stata redatta da WisdomTree e dalle sue affiliate e non costituisce previsione, ricerca, consulenza di investimento, raccomandazione, offerta o sollecitazione ad acquistare o vendere titoli o ad adottare qualsivoglia strategia di investimento. Le opinioni espresse sono aggiornate alla data di redazione della documentazione e possono cambiare a seconda del variare delle condizioni. Le informazioni e le opinioni riportate nella presente documentazione derivano da fonti proprietarie e non proprietarie. Pertanto, WisdomTree, le sue affiliate o i rispettivi incaricati dipendenti o agenti non garantiscono la correttezza e l’affidabilità delle stesse e declinano qualsiasi responsabilità derivante da errori e omissioni (ivi compresa la responsabilità nei confronti di qualunque persona per negligenza). Fare affidamento sulle informazioni nel presente materiale è ad esclusiva discrezione del lettore. I rendimenti ottenuti nel passato non sono un’indicazione affidabile dei rendimenti futuri.

REGISTRATI PER RICEVERE GLI AGGIORNAMENTI DAL BLOG

Premendo Invia di seguito si certifica di avere letto e accettato la nostra Informativa sulla privacy.